Informazioni

Il beanbag alla pera invade le nostre case

Il beanbag alla pera invade le nostre case

Il beanbag a pera, una forma mitica per una seduta iconica


ilbeanbag alla pera, come viene comunemente chiamato, deve il suo nome alla sua forma che evoca quella del frutto. Anche se assume varie forme quando riceve un individuo, la sua busta non ha altra forma che una pera, la base del frutto verso il suolo e la testa che si alza verso il cielo.

Ma se nei nostri paesi prende il nome di un frutto, dovresti sapere che attraverso l'Atlantico, preferiamo chiamarlo "sacchetto di fagioli"è letteralmente" sacchetto di fagioli ". Un nome che all'inizio potrebbe sorprendere, ma che in realtà deriva dal fatto che a volte abbiamo usato fagioli secchi per formare il ripieno - e quindi la sede - di questo beanbag.
 

Il pouf Sacco, un'idea italiana dietro il pouf alla pera


Molte persone lo ignorano, ma in fondo il beanbag alla pera ha un nome completamente diverso: "Sacco". il Beanbag Pera Sacco nasce in Italia, dall'idea dei designer Gatti, Paolini e Teodoro che si sono ispirati ai contadini italiani che hanno usato sacchi di foglie di castagno per realizzare materassi. Pensano quindi a un sedile leggero che segua la forma del corpo per un comfort assoluto.

Dopo aver immaginato palline da ping-pong o persino acqua come materiale da otturazione, le palline di polistirolo sono essenziali rapidamente. E ora è nato il "Sacco", contenente non meno di 12 milioni di perle di polistirolo per un peso inferiore a 6 kg. Sarà presentato per la prima volta alla Fiera di Parigi nel 1969 e il successo è immediato.
 

Il beanbag alla pera, simbolo di anticonformismo


Non sembra così quando lo vedi, ma il beanbag, quando ha iniziato a essere commercializzato, è stato immediatamente percepito come un vero simbolo di un'intera generazione di sessantotto! In effetti, all'epoca, questa nuova base testimoniava la sfida del tempo e la ricerca del anticonformismo. È vero che con il pouf pera ci sediamo quasi a livello del suolo, in una posizione piuttosto accasciata e, soprattutto, troviamo difficile alzarci.

Inoltre, nulla nel beanbag ricorda i segni del sedile che conosciamo! È più come un invito a oziare e infrangere i codici. In breve, soddisfa le aspettative dei giovani di 68 anni.
 

Il beanbag pera oggi: ancora di tendenza


Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il successo del beanbag non si è fermato dopo gli anni '70, e invade ancora oggi i nostri spazi. Sia nella camera da letto, nell'angolo televisione o nel soggiorno, incontra ancora oggi un ideale di relax e attitudine zen ... con un design ancora attuale.

Se il primo modello era in vinile, il suo rivestimento ora esiste in più versioni, con o senza un motivo. Esistono anche versioni per esterno per prolungare il relax fuori casa.

E se l'originale "Sacco" è ancora prodotto da Zanotta, molti marchi offrono il loro modello: Ma e il suo modello di New York, Fly and the Play pear o Conforama con colori pop. Più di 40 anni dopo, grandi e piccini lo adorano ancora, e una cosa è certa: il beanbag alla pera ha ancora un futuro luminoso davanti!
 

Video: Slime Rancher #2 - Galline e mostri arcobaleno (Luglio 2020).